La tecnica EMDR per il trattamento del trauma

La dottoressa Silvia Brandino, per il Centro Medico Andromeda di Milano, ha realizzato un breve video in cui parla della tecnica EMDR.

L’EMDR è una tecnica psicoterapeutica utilizzata per elaborare eventi traumatici.

Il modello considera tutti gli aspetti di una esperienza stressante o traumatica, sia quelli cognitivi ed emotivi che quelli comportamentali e neurofisiologici.

Quando avviene un evento ”traumatico” l’equilibrio tra le nostre reti neurali viene disturbato e l’informazione viene immagazzinata in modo disfunzionale mantenendo la forma ansiogena originale. Questo è il modo in cui le sensazioni del passato si ripropongono come “sintomi” nel presente.

La tecnica EMDR consiste nel dare una stimolazione oculare, tattile o altre forme di stimolazione alternata destra/sinistra, per ristabilire l’equilibrio neuro fisiologico, provocando così una migliore comunicazione tra gli emisferi cerebrali.

Il terapeuta può stimolare il paziente con l’uso delle mani oppure con l’ausilio di appositi macchinari.

Il fine è quello di promuovere la rielaborazione dell’informazione fino alla risoluzione dei condizionamenti emotivi. Nella risoluzione adattiva l’esperienza è usata in modo costruttivo dalla persona ed è integrata in uno schema cognitivo ed emotivo positivo.

L’EMDR è usato fondamentalmente per intervenire sui ricordi di esperienze traumatiche che stanno alla base di disturbi psicologici attuali del paziente.

Queste esperienze traumatiche possono consistere in:

  • Eventi stressanti  nell’ambito delle esperienze comuni a cui si è esposti per periodi prolungati (lutto, malattia cronica, conflitti coniugali, cambiamenti)
  • esperienze fortemente traumatiche che hanno minacciato l’integrità fisica propria o altrui (ad esempio incidenti, catastrofi naturali, abusi sessuali, violenze fisiche o psicologiche).